Salta al contenuto

Tutto in uno sguardo

La Primavera siciliana è spettacolare.

Chi non l’ha mai vista non può capire quel che provavo io di anno in anno. L’aspettavo con ansia, la sentivo arrivare, la vedevo all’improvviso quando, affacciandomi la mattina al balcone della mia stanza, la collina che limitava l’orizzonte, si vestiva di fiori bianchi e rosa. Quella era la mia Primavera.

Un segnale inequivocabile, un richiamo a cui non mancavo mai.

Mi vestii in fretta, quella mattina, avevo voglia di camminare, di sentire l’aria fresca sul viso, di dare sfogo ai miei pensieri senza che nessuno mi stesse attorno e mi disturbasse. Ci sono momenti che si desidera stare in silenzio per entrare in simbiosi con la natura e io sapevo bene come fare. Scarpe comode e passo svelto, mi avviai sulla strada scoscesa che portava alla mia collina. Volevo sentire quei profumi amati, guardare nei minimi particolari quei fiori di pesco che, non finivano mai d’incantarmi.

Da lontano giungevano i suoni del paese che si svegliava, qualche saracinesca si alzò stridendo e l’abbaiare dei cani mi giunse da lontano.

Sul piccolo spiazzo che, pomposamente chiamavamo ” Parco ” qualcuno aveva dimenticato un fagotto colorato.

Piccoli particolari che coglievo, intanto che mi lasciavo il paese alle spalle.

Quando giunsi vicino alla panchina, sussultai spaventata; il fagotto si muoveva e mi trovai due occhi fissi nei miei.

Mi mancò la parola e deglutii, affannosamente.

Lui, il fagotto, si mise seduto e riconobbi un vecchio amico di famiglia.

Non capivo perché fosse li e cosa ci facesse con quella coperta addosso e quegli occhi smarriti.

Non pensai più ai fiori di pesco ne’ alla Primavera, mi sedetti accanto e lui cominciò a parlare.

Mi raccontò di quanto s’era sentito solo dopo la morte della moglie, di come, giorno dopo giorno, i figli si fossero dimenticati di lui.

Ora dormiva su quella panchina da dove si vedeva la sua casa che non possedeva più. I suoi occhi liquidi mi sconvolsero.

Nel bar della piazza facemmo colazione assieme e mentre pensavo alla sua solitudine, al suo disagio evidente, pensai a quante persone, ogni giorno, guardiamo distrattamente senza sapere cosa si portano dentro, cosa nascondono nei loro sguardi smarriti quando ci si dimentica della loro esistenza.

 

Pubblicato inLuoghi del Cuore

4 Commenti

  1. Hi! I know this is somewhat off topic but I was wondering which blog platform are yyou using for this
    site? I’m getting sick and tired of WordPress because I’ve had problems with hackers and I’m looking at options for another platform.
    I would be fantastic if you could point me
    in the direction of a good platform.

    Feel free too surf to my web page :: https://chooserightcasino.widezone.net/

  2. Hi thuis is somewhat off off topic but I was wondering if blogs use WYSIWYG eeditors or if you
    have to manuaoly code with HTML. I’m starting a blog soon buut have no coding
    expertise so I wanted to get guidance from someone with experience.
    Any help would be enormously appreciated!

    Here is my webpage … http://Www.syclub.ru

  3. Yourr style is so unique in comparison to othr folks I have read stuff
    from. I appreciate you for posting when you’ve got tthe opportunity, Guess I will just
    book mark this page.

    Feel free to surf to my webpage http://ryanrichardthompson.houseofthompson.net/index.php?route=%2Ftree%2Frthompson%2Fcontact&to=admin_HOT&url=http%3A%2F%2Fwww.smokinstangs.com%2Fmember.php%2F282331-Ilushiktyu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *