Salta al contenuto

U caruseddru ‘i Nina M.

Si lu tinìa ammucciatu ‘nta n’agnuni,
ddru caruseddru ‘i crita, fattu a palla;
quannu putìa ci li mittia ddu liri,
e poi ‘u sbattìa, ppi sentiri ‘u rumuri.
‘A vitti ccu ‘i me’ occhi ddra miseria,
ddri tristizzi ‘i tuccai ccu li me’ manu:
picciriddri ccu ’u nasu chinu ‘i muccu,
senza spiranza ‘i nenti, senza scola.
‘A Sicilia luntana pari beddra,
‘u sò suli cummogghia tanti cosi,
ma cu rricorda lu tempu passatu
si nn’arricorda tantu, di duluri.
‘A puvirtà di certuni famìgghi,
‘u travagghiu pisanti ‘i tanti patri,
casi comu tugurii, vecchi comu pizzenti,
patruni comu bestii, senza pietà cristiana.
Ddu liri ppi na vita fatta ‘i stenti,
ddu liri ppi sarbari na spiranza,
mentri ‘a vita s’assicca comu ‘i ciuri
e un caruseddru non si ìnchi mai.

Traduzione
Il salvadanaio di Nina M.
Lo teneva nascosto in un angolo,
quel salvadanaio di creta, a forma di palla;
quando poteva ci metteva due lire,
e poi lo scuoteva per sentire il rumore.
L’ho vista coi miei occhi quella miseria,
quelle tristezze le ho toccate con le mie mani:
bambini con il naso pieno di muco,
senza speranza di niente, senza scuola.
La Sicilia lontana sembra bella,
il suo sole nasconde tante cose,
ma chi ricorda il tempo passato
se ne ricorda tanto, di dolore.
La povertà di certe famiglie,
il lavoro pesante di tanti padri,
case come tuguri, vecchi come pezzenti,
padroni come bestie, senza pietà cristiana.
Due lire per una vita fatta di stenti,
due lire per conservare una speranza,
mentre la vita appassisce come i fiori
e il salvadanaio non si riempie mai.

Pubblicato inGenerale

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *