Salta al contenuto

Un tempo, forse

“Un tempo sarebbe stato facile amarmi… oggi è difficile… “

Leggo questo in uno dei tanti post su FB, ma non un semplice post come tanti, ma quello che vado quotidianamente a cercare, per accertarmi di come stai e di cosa provi. Il mio, una sorta di amore forse paterno. Per questo voglio risponderti proponendoti una riflessione, forse presuntuosamente non conoscendo in fondo la storia della tua vita, ma che vuoi farci i vecchi hanno un concetto malsano del tempo e dei momenti. Il tempo non viene scandito dai secondi, dalle ore, ma dai ricordi. Proprio per questo il tempo diventa adesso ed ogni adesso è un per sempre.
Hai presente i fiori di prato? Essi non si oppongono al vento, ma il fischio che senti è dato dalla loro capacità di assecondarlo. Diventano le dita di sapienti musicisti. Il profumo che un prato rilascia è la capacità che hanno le corolle di restare aperte a quel vento. Ne gioisce la vita del prato. Tutti descrivono l’amore come l’arrivo di una tempesta, poi l’alternarsi di venti più miti sino a desiderare di sentirli sferzare nuovamente. No angelo mio, l’amore non è il vento al quale concederci o resistere perché non siamo aquiloni. L’amore è la capacità di suonare come fili d’erba la musica del prato, è la capacità di mantenere le corolle aperte quando il vento ti sferza, perché profumi la vita. Leggo ciò che tu scrivi: “bisogna soprattutto amare se stessi”. Certo se tu fossi l’unico vento e l’unico fiore, ma tu sei il prato e le tue corolle i tuoi sogni. Il desiderio di un vecchio? Ascoltare la musica di quel prato che trasporta i suoi profumi oltre ogni tempo. L’amore è il coraggio di saper perdere qualcosa o di saperlo mutare, proprio come fanno i vecchi nel mutare il tempo in tanti adesso. Vorrei vedere i tuoi occhi illuminarsi sempre di cielo, il tuo sorriso sfiorarmi come la primavera. Vorrei vedere la luna specchiarsi nei tuoi sogni e tu profumare cento prati ancora. Io sono solo un adesso e tu quel prato che spero possa incontrare in altre cento vite.
(il Nautiere)

Pubblicato inAmore

2 Commenti

  1. Lulamae Lulamae

    Bellissimo!

  2. Marina Marina

    Mi hai commossa . Un periodo”L’amore è il coraggio di saper perdere qualcosa o di saperlo mutare, proprio come fanno i vecchi nel mutare il tempo in tanti adesso.” è da imparare a memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *