Salta al contenuto

Una strana bambina

Il concetto di “ Strana “ lo meritava tutto.

Era capace di comportamenti troppo singolari per i canoni del tempo.

Angela era Unica per suo padre, Bizzarra per sua madre, Pazza per sua zia. Per chi la conosceva bene era Fantastica, sapeva stupire senza sforzo e possedeva caratteristiche, davvero particolari assieme a tanti difetti che lei, nel tempo, imparò a usare ogni volta che lo ritenne opportuno.

Il suo linguaggio conciso e mai prolisso la favorì anche a scuola accompagnato da una memoria ferrea e da un’attenzione sempre attiva.

Erano anni di boom economico e in Sicilia, come sempre, gli effetti arrivarono in ritardo e con tanti limiti. Solo le vecchie abitudini resistevano e, come spesso accadeva, anche i bambini ne furono Vittime. Tra queste, quella che resisteva e contagiava tutti era quella di esibire i bambini in prove di capacità recitative, le poesie che dall’alto di una sedia ci facevano recitare con enfasi e esortazioni maniacali.

Anche quella volta (non ricordo che festa fosse) Mi toccò l’ingrato compito di salire sulla fatidica sedia mentre attorno a me fioccavano richieste e incoraggiamenti.

Una vocina interiore quel giorno disse NO. Tra le mie capacità una spiccava per originalità e non tutti ne erano a conoscenza. Solo mia sorella C. sapeva che esisteva e, solo lei colse l’espressione maliziosa che non mi riuscì di mascherare. Scelsi di recitate la poesia di Pascoli “L’aquilone“ Ma solo il titolo e l’autore furono comprensibili, poi inizia a recitare scandendo le parole al contrario. Come dimenticare quelle facce?

Un’intera poesia detta al contrario, una vera lingua che solo io e C. Conoscevamo.

Quando la recitazione fu completata m’inchinai e ringraziai quelle facce stranite che non sapevano cosa avessi detto e tra le risate di mio padre e di mia sorella mi allontanai soddisfatta. Da quella volta la smisero di esibirmi e cominciai a scrivere le mie di poesie e, a volte, le rileggo anche alla rovescia.

la foto in copertina è di Robert Doisneau

 

166
Published inBambini

Sii il primo a commentare