Salta al contenuto

Vacanze

Sabato primo pomeriggio.
Sole dalle persiane verdi serrate e vento caldo che sfida ogni uscio chiuso.
All’ultimo piano trascinano letti e comodini, arrivati oggi i nuovi bagnanti, sulle scale affannati con bagagli e bambini urlanti, sfiniti.
Giù in strada c’è un bagno di solleone, trovo sollievo infilandomi nel vetusto portone. Mi sento amica di questi quattro gatti, proprio quattro, magri, sfiancati dalla calura e quasi digiuni in una stagione che non rende loro giustizia. Mi avvolge una folata lunga e fresca , questa estate di revival e ricordi che a sorpresa mi riporta alla mia me bambina sulla spiaggia di Velia, faccio il bagno e intanto piove…che meraviglia.

La’ davanti c’è una spiaggia di sabbia dorata e fine è un mare che a tratti si rabbuia e diventa burrascoso. Mamma quel giorno voleva fare il bagno, ma un pescatore con il viso di bronzo la fermò. “Signo’ è pericoloso!”. Eravamo radunati sotto la pensilina del bar, ai tavolini a giocare a carte e c’era il solito gruppetto al jukebox. Io ero in acqua con Umberto a fare i tuffi e a prenderci in giro tutto il tempo. Ad un tratto venne a piovere. Pioveva e noi in acqua a spruzzarci e ridere. Dal bar i Pooh impazzavano con il loro successo del 72. La litoranea ci porta sulla costa e finalmente arriviamo in questo paesino, una piazza con case e negozi e poi un gioiellino:questa palazzina di pietra, piccoli balconi e persiane verdi. Un portone molto antico fa pensare alla vetustà della costruzione. Due rampe di scale di pietra con le valigie, ma a mani vuote sarà meglio. Con i suoi modi gentili la signora Tiziana ci mostra l’appartamento curato e dipinto con i colori del mare. Pochi passi è in una piccola baia la spiaggia di sabbia e un bar sempre aperto. Vita da mare, acqua e sale e sole. Piccole scoperte, incontri a sorpresa, il mondo è così piccolo che basta un caffè per ritrovarsi. Mi manca la spesetta quotidiana all’angolo dove Biagio espone i suoi frutti e le verdure dell’orto. Il sugo preparato con i suoi pomodori e il basilico fresco non ha quasi uguali. Biagio cotto dal sole in campagna che offriva fiori gialli di zucca.

Pubblicato inAmore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *