Salta al contenuto

Vento

Ancora mi è venuto a trovare
L’urlo del vento
Sembra un pianto antico
Provenire dalle fronde di un albero saggio
È il lamento delle anime
La polvere e le foglie secche che si posano stanche e fiacche
Continua l’urlo del vento
Sale dalle scale, vola sotto le porte.
Le nuvole bianche corrono veloci
Lasciando pulito lo squarcio azzurro del cielo e stormi di uccelli in volo.
E mentre scrivo ancora l’urlo si accanisce sulle mie finestre, mi dice che c’è
Che ancora mi viene a trovare
Anche se non sono più nella mia valle
Dove lui ha piegato steli rose, ha strappato mazzi di viòle, ha scavato tra le mie scapole mentre scappavo e mi sfuggiva il foulard dai capelli.

Pubblicato inLuoghi del Cuore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *