Salta al contenuto

Vurrìa girare Missina di notti

Vurrìa girari Missina di notti
quannu non c’è cchiù nuddru strati strati:
taliari ‘i casi, ‘i chiesi, i sò vaneddri,
sentiri u ciatu e a vuci du so mari.
E’ città stanca comu matri antica,
è nova e vecchia comu u so duluri
è radìci tradùta e marturiàta ,
mircatu di pulitici bastardi
ca mai nni rrispettaru la biddrizza:
ficiru capuliatu li ‘nfamuni,
e s’’a vinnèru quasi ppi munnizza.
Vurrìa girari Missina di notti,
ppi vìdiri ‘i palazzi di ‘na vota
ca ‘i notti è puru cchiù beddra Missina,
e la sò genti cu li sò difetti
di notti mi la sentu cchiù vicina.

Vorrei girare a Messina di notte
Vorrei girare a Messina di notte,
quando non c’è più nessuno per le strade:
guardare le case, le chiese, i suoi vicoli,
sentire il fiato e la voce di questo mare.
È città stanca come madre antica,
è nuova e vecchia quanto il suo dolore,
è radice tradita e tormentata,
mercato di politici bastardi
che mai ne hanno rispettato la bellezza:
carne tritata ne hanno fatto gli infamoni,
e se la sono venduta quasi per spazzatura.
Vorrei girare , a Messina di notte
per vedere i palazzi di una volta
perché di notte è pure più bella Messina,
e la sua gente con i suoi difetti
di notte me la sento più vicina.

la foto di copertina è di Jo Pic

Pubblicato inLuoghi del Cuore

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *